Cancelletti per bambini portatili: quali montare fuori casa

Già dai primi mesi di vita il neonato inizia ad esplorare ogni angolo di casa, prima ancora di camminare, anche solo gattonando. Ciò impone una rete di protezione in ambito domestico sotto forma di cancelletti di sicurezza, da allestire nei punti più insidiosi della casa. Nel momento in cui ci si dota di questi dispositivi di sicurezza, occorre attenzionare fin da subito la distanza fra le doghe per evitare che il bimbo si incastri e, soprattutto, l’altezza che è compresa nei valori standard fra 0,70 cm e un metro e oltre.  Allestire uno o più cancelletti di protezione per bambini preserva il bebè dai tanti potenziali infortuni domestici, da ustioni a cadute, che possono verificarsi fra le quattro mura.

Assicurarsi sempre che qualsiasi cancelletto si acquisti sia facile da aprire per gli adulti e inaccessibile da parte dei bimbi, almeno così sono progettati i migliori modelli di cancelletti per bambini in circolazione. Il consiglio è di scegliere un cancelletto con bordo superiore dritto e doghe verticali, rigide e ravvicinate. Se si decide per modello con pannelli retati, si scelga una trama fine, perché varchi troppo larghi potrebbero fornire un assist per arrampicate o tentativi di scavalcare l’ostacolo. Infine, seguire le raccomandazioni di sicurezza contenute nel manuale di istruzioni allegato nel kit d’acquisto, ma ricordatevi che nessun cancello sostituisce un’attenta supervisione del bebè da parte dei genitori, quindi si raccomanda di non lasciare mai il bambino incustodito. Esistono cancelletti di sicurezza anche come protezione fuori casa, da portare in viaggio e allestire dove si alloggia.

Uno o due cancelli portatili a pressione potrebbero essere un buon metodo da adottare anche quando si va in albergo o a casa di amici o familiari. Quando si viaggia con un bambino è importante poter contare su questi dispositivi di sicurezza, ad esempio se la casa dove si trascorre la vacanza è un cielo-terra su più livelli, si potrà installare il cancelletto a pressione in fondo alle scale (mai in cima) e usarne un altro per bloccare l’accesso alle stanze che si ritengono meno sicure, come ad esempio una zona living con camino acceso d’inverno.  Si possono usare cancelletti portatili di protezione anche per bloccare l’accesso al bagno, dove i piccoli potrebbero rivelarsi dei baby scassinatori mettendo a soqquadro gli armadietti degli effetti personali, dove fra l’altro potrebbero avere accesso a dei farmaci ed altre sostanze lesive se ingerite.